La prima filiale virtuale al mondo presentata a Milano

“Widiba”

Widiba, banca virtuale

Widiba la banca on-line, facente parte del gruppo senese annuncia un progetto che ricrea l’esperienza bancaria in realtà 3D. Secondo l’AD Morelli le sperimentazioni tecnologiche avranno un ruolo fondamentale nel rilanciare il gruppo, ma ancora per quest’anno la start up sarà in rosso. Le filiali dovrebbero attrezzarsi di un dispositivo ottico 3D, dove sarà presente una scritta in maiuscolo “Welcome to your bank” naturalmente con il logo e marchio Widiba. La prima filiale virtuale al mondo presentata a Milano e distribuita in 250 esemplari, uno per ogni cliente.
L’investimento si aggira in torno al mezzo milione di euro.

Dentro “Widiba Home”, il cliente interagisce con comandi vocali e oculari, basterà giare lo sguardo, per vedere tutti i diversi servizi bancari, e chiedere le operazioni desiderate a voce, successivamente sarà cura dell’umanoide disponibile 24h a dare tutte le possibili informazioni.

Widiba avrà un ruolo centrale nel rilancio del gruppo senese, nel progetto è presente un grande riferimento alla digitalizzazione, concetto che naturalmente richiede del tempo.

Widiba è stata lanciata un anno e mezzo fa e ha un margine operativo lordo positivo, ma chiuderà il 2017 in perdita a causa dei grandi investimenti,  Cardamone ribadisce che si tratta di una “perdita buona”.
Se la realtà virtuale è il presente per Widiba, la realtà mista è il futuro prossimo, nei prossimi mesi la partnership con Microsoft permetterà l’utilizzo di HoloLens,il primo computer olografico che consentirà al mondo reale di fondersi con ologrammi virtuali“, tutto questo tramite una visiera trasparente. Il cliente potrà contattare i consulenti Mps per condividere le informazioni e in tempo reale risolverle.

Le aziende che sapranno trarre vantaggio dalla tecnologia e offrire ai clienti servizi nuovi e customizzati.
L’Ad di Microsoft Carlo Purassanta ha affermato che sono felici di accompagnare Widiba in questo progetto capace di migliorare l’esperienza dei correntisti.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui

[spider_facebook id=”2″]

Google My Business Website

Google My Business Website

In cosa consiste il mini sito web per le attività locali?

Ci pensa google My Business Website a darvi una risposta esaustiva.

Google My business Website sta ampliando la propria portata ed è disponibile anche in Italia.

Il nuovo prodotto di Google, ha riscontrato successo da parte degli utenti e l’aumento progressivo dei siti con il dominio business.site fanno pensare che si stia andando verso la fase completa e imminente del rilascio.

I siti indicizzati con il dominio business.site è in forte crescite e superano i  200.000 siti. Vedi sito originale  business.google.com/website

Questi siti sono correttamente indicizzati da Google come potete verificare qui clicca qui e tra l’altro ci sono molte pagine italiane.

Google My Business Website consiste sostanzialmente nella creazione di una singola pagina, ottimizzata per i dispositivi mobile.

C’è una pagina dedicata nella guida di google:supporto Google

Progettata inizialmente in funzione dei paesi in via di sviluppo la cui presenza nel web non è un’attività di marketing aziendale richiesta.
Questi sono legati alla scheda My Business e sono ultra semplificati.

Non è possibile fare granché, si possono inserire delle foto, una descrizione, gli orari; e da ora si possono anche inserire dei link nel corpo del testo, quindi si può rimandare ad altri siti.

Ricorrendo all’ operatore site: cliccando sul link di seguito, è possibile visualizzare degli esempi di siti creati grazie alla funzionalità Google My Business Website: site:business.site italia

Come detto in precedenza ha un’utilità limitata.

Le idee di Google sono quelle di creare sempre strumenti di facile utilizzo che si rivolgono agli utenti di piccole e micro imprese che non vogliono investire in un piccolo sito web.

Il consiglio è di puntare sul sito web di vostra proprietà, quindi non soggetti a vincoli impostati da altri che fanno il loro interesse.

Google fornisce traffico alle aziende e punta all’utilizzo di campagne pubblicitarie pay per click come adword.

Come già detto in precedenza questo articolo è rivolto a piccole medie imprese che non hanno ancora la “necessità” di avere un sito web; qualora si fosse in questa medesima situazione lo strumento da utilizzare è Google My Business Website.

 

Per maggiori informazioni potete contattarci: